community | chi siamo | contattaci
registrati

utente password
voglio registrarmi!
password dimenticata?


Pesto alla genoveseTagliolini alle erbe


Ricette > Cerca

Gnocchi di patate al pesto

 Feed Rss  Segnala ricetta  English  Stampa  
 

di:

Ingredienti per 4 persone


Procedimento

1. Preparazione del pesto: Pulire le foglie di basilico (evitando se possibile di lavarle) con un panno umido, senza schiacciarle. Sbucciare lo spicchio d'aglio.
2. Se si dispone di tempo e di un mortaio di marmo, porre il basilico nel mortaio con l'aglio, i pinoli, il sale grosso (serve per mantenere la salsa si un bel verde brillante) e un cucchiaio d'olio. Pestare a lungo, aggiungendo poco olio per volta, fino a quando le foglie saranno completamente spappolate e si sarà formata una salsina cremosa di intenso color verde. Porre la salsa di basilico in una ciotola e aggiungere il formaggio grattugiato mescolando bene per ottenere un composto omogeneo.
3. L'alternativa veloce prevede l'utilizzo di un frullatore o, meglio, di un piccolo tritatutto. Mettere gli stessi ingredienti nel bicchiere (se si utilizza un frullatore mettere 1 o 2 cucchiai d'olio in più) e frullare a impulsi, per il minor tempo possibile, per evitare di surriscaldare il composto. Versare la salsa così ottenuta in una ciotola e procedere come descritto in precedenza.
4. Preparazione degli gnocchi: Schiacciare le patate in una ciotola con l'apposito strumento o con un passaverdure, aggiungere la farina setacciata e impastare fino ad ottenere un composto omogeneo e pastoso. Prendere un mucchietto di impasto e formare un cilindro del diametro di circa 2 cm. Tagliare ciascun cilindro in sezioni lunghe circa 1 cm. Formare gli gnocchi passando ciascun tocchetto sui rebbi di una forchetta o sul retro di una grattugia effettuando un movimento veloce verso l'alto ed esercitando una lieve pressione. Disporre gli gnocchi così preparati senza sovrapporli su vassoi infarinati.
5. Cuocere la pasta gettando gli gnocchi in abbondante acqua bollente non salata. Scolarli con una schiumarola man mano che vengono a galla, gettandoli in una ciotola da portata nella quale si sarà posta una cucchiaiata di pesto.

Note / consigli

Nel Levante ligure il pesto è spesso”ingentilito” dall'aggiunta di 2-3 cucchiai di prescinsoeua (cagliata di latte, un formaggio fresco e cremoso dal sapore acidulo - vedi ricetta). In alternativa, ma non è la stessa cosa, si può utilizzare della robiola fresca. E' possibile conservare il pesto in frigorifero per circa 1 settimana, avendo cura di porlo in un contenitore ermetico e di tenerlo sempre coperto con un dito d'olio. In alternativa è possibile surgelarlo, ma in questo caso è consigliabile aggiungere il formaggio poco prima dell'uso, dopo aver fatto scongelare la salsa tenendola in frigorifero per il tempo necessario. Il pesto non deve mai essere cotto o scaldato. Può essere utilizzato per condire un'infinità di pasta: gnocchi, tagliatelle, lasagne, ma anche farfalle, spaghetti, linguine. Varianti più ricche prevedono l'uso di pasta preparata con una miscela di farina di castagne e di farina oppure l'aggiunta di fagiolini verdi e patate tagliate a tocchetti da cuocere nella stessa acqua in cui successivamente si aggiungerà la pasta.

Caratteristiche

Tempo di preparazione 30 minuti
Portata piatti asciutti
Origine Italia
Tipo di preparazione Bollito/lessato

Commenti

Scrivi il tuo nome:

Scrivi un commento alla ricetta:
il giorno 03/08/2009 ha scritto:

ottmo abbinamento!!=)

Home
Chi siamo
Community
Contattaci
A scuola di...
Cucina
Pasticceria
Sala
Bar
Speciali
Ricette
Cerca Ricetta
Chiedi allo Chef
Menù del weekend
Ricette dei Corsi
Corsi e Iscrizioni
Corsi in aula
Corsi per adulti
Dopo la 3a media
Lavoro
Trovare lavoro
Offerte di lavoro
Giovani qualificati